fbpx

Lavoro pesante: come combattere lo stress

lavoro-pesante-come-combattere-lo-stress

INDICE

Gestire un carico da lavoro pesante è estremamente difficile, spesso perché non si è stati efficacemente preparati per affrontarlo. Il lavoro è entusiasmante soprattutto se la richiesta è fare ciò che ami e che sai fare, ma se la mansione da svolgere esce dalle competenze, allora non solo ci sentiremo inferiori riguardo al compito da svolgere, ma inizierà in noi un turbine di stress negativo che se non curato ci porterà ad un collasso Psico-fisico. La salute mentale sul posto di lavoro è un diritto che spetta ad ogni lavoratore, essere sfruttati e svolgere compiti in più e mal pagati che vanno oltre le nostre competenze dovrebbero essere denunciato.

Quali sono i lavori più pesanti?

I lavori più pesanti possono variare a seconda del settore e delle condizioni specifiche del lavoro. Tuttavia, ci sono alcune professioni e settori noti per implicare un carico fisico o mentale significativo. Ecco alcuni esempi di lavori che spesso sono considerati tra i più pesanti:

  1. Lavori Edili e di Costruzione: Gli operai edili spesso affrontano attività fisicamente impegnative, come sollevamento di pesi, lavoro su impalcature e condizioni meteorologiche avverse.

  2. Minatori: Il lavoro minerario può essere estremamente faticoso, con lunghe ore trascorse in ambienti sotterranei o su siti di estrazione, esponendosi a rischi fisici e polveri nocive.

  3. Agricoltura: I lavoratori agricoli possono svolgere compiti fisicamente intensi come sollevamento di pesi, lavorazione del terreno e gestione del bestiame, spesso in condizioni meteorologiche difficili.

  4. Pesca Commerciale: I pescatori commerciali affrontano condizioni marine difficili e possono dover affrontare il sollevamento di reti pesanti, lavorando spesso per lunghe ore.

  5. Sanità: Alcuni settori della sanità, come l’assistenza infermieristica o il lavoro nei pronto soccorso, possono essere mentalmente e emotivamente impegnativi, con turni irregolari e situazioni stressanti.

  6. Trasporto e Logistica: I conducenti di camion, piloti di aerei e ferrovieri possono affrontare lunghe ore di guida o di lavoro, spesso con turni irregolari e la pressione di rispettare scadenze.

  7. Industria Manifatturiera: Le linee di produzione in fabbriche possono coinvolgere compiti ripetitivi e fisicamente impegnativi, con l’uso di macchinari pesanti.

  8. Forze Armate: I militari possono essere sottoposti a condizioni estreme, compresi addestramenti fisicamente intensi e situazioni di combattimento ad alto stress.

  9. Cura degli Anziani: Gli operatori sanitari e gli assistenti domiciliari che lavorano con anziani possono affrontare compiti fisici e emotivi, spesso in situazioni di stress.

  10. Ristorazione e Alberghiero: Il personale di cucina e i cuochi possono dover lavorare in condizioni stressanti, con orari lunghi e un ambiente frenetico.

È importante notare che la percezione di “lavoro pesante” può variare da persona a persona, e molte professioni richiedono sia sforzi fisici che mentali. Inoltre, le condizioni di lavoro possono influire notevolmente sulla percezione di quanto un lavoro sia pesante.

Cosa fare se il lavoro è troppo pesante?

Affrontare un lavoro troppo pesante può essere estremamente sfidante e può avere impatti significativi sulla tua salute fisica e mentale. Se senti che il tuo lavoro sta diventando insostenibile, è importante prendere misure per proteggere il tuo benessere. Ecco alcune azioni che potresti considerare:

1. Valuta la Situazione

Analizza in modo obiettivo la tua situazione lavorativa. Identifica le fonti specifiche di stress e valuta se ci sono aspetti del tuo lavoro che possono essere migliorati o risolti.

2. Comunicazione con i Superiori

Se senti di essere sopraffatto dal carico di lavoro, parla con i tuoi superiori o responsabili delle risorse umane. Esprimi apertamente le tue preoccupazioni e cerca soluzioni insieme. In alcuni casi, potrebbe essere possibile ridistribuire i compiti o fornire supporto aggiuntivo.

3. Stabilisci Limiti

Impara a dire di no quando senti di non poter gestire ulteriori responsabilità. Stabilisci limiti chiari sulla quantità di lavoro che puoi assumerti senza compromettere la tua salute mentale e fisica.

4. Ricerca di Supporto Interno o Esterno

Se il tuo datore di lavoro non può fornire assistenza sufficiente, cerca supporto tra i tuoi colleghi. La condivisione delle responsabilità o la collaborazione su progetti può alleviare il peso del lavoro.

5. Esplora Opportunità di Formazione

Se il tuo lavoro è troppo impegnativo a causa di carenze di competenze o formazione, cerca opportunità per acquisire nuove abilità. Una formazione aggiuntiva potrebbe rendere il tuo lavoro più gestibile e migliorare la tua sicurezza nell’esecuzione delle mansioni.

6. Chiedi un Cambiamento di Ruolo o Reparto

Se possibile, valuta la possibilità di un cambio di ruolo o reparto all’interno dell’azienda. Un ruolo diverso potrebbe offrire una sfida più bilanciata e adatta alle tue competenze.

7. Consulta un Professionista della Salute Mentale

Se lo stress sul lavoro sta influenzando negativamente la tua salute mentale, considera la possibilità di consultare un professionista della salute mentale. Un consulente o uno psicologo può fornire supporto e strategie per affrontare lo stress e migliorare il tuo benessere.

8. Esplora Opportunità Esterne

Se tutte le opzioni interne sono esaurite e il tuo benessere è in grave pericolo, potrebbe essere il momento di esplorare opportunità di lavoro esterne. Una posizione diversa o in un’azienda diversa potrebbe offrirti un ambiente più sano e sostenibile.

9. Priorità la Tua Salute

La tua salute è la priorità numero uno. Se il lavoro continua a essere insostenibile, potresti dover prendere in considerazione un cambiamento più radicale, come la ricerca di un nuovo lavoro o la riconsiderazione della tua carriera. La tua salute fisica e mentale è un investimento a lungo termine che va preservato.

Ricorda che cercare aiuto non è segno di debolezza, ma piuttosto di consapevolezza e auto-cura. Non esitare a cercare supporto quando ne hai bisogno.

i 7 segnali del burnout

Come combattere lo stress del lavoro pesante

Il mondo moderno ci pone di fronte a sfide sempre più impegnative, e il lavoro pesante può diventare una fonte significativa di stress nella nostra vita quotidiana. Se ti senti costantemente sopraffatto dalle richieste del tuo lavoro e stai cercando modi per affrontare lo stress, sei nel posto giusto. In questo articolo, esploreremo alcune strategie efficaci per combattere lo stress derivante da un lavoro impegnativo e ritrovare l’equilibrio nella tua vita.

1. Organizzazione e Pianificazione

Una delle principali fonti di stress è spesso legata alla mancanza di organizzazione. Prenditi del tempo per pianificare la tua giornata e settimana in anticipo. Stabilisci priorità e suddividi i compiti in compiti più gestibili. Questo ti aiuterà a mantenere il controllo delle tue attività e a ridurre la sensazione di essere sopraffatto.

2. Impara a Delegare

È importante riconoscere quando hai bisogno di aiuto. Impara a delegare compiti quando possibile. Non devi affrontare tutto da solo. Condividere il carico di lavoro con i colleghi o delegare compiti a persone di fiducia può alleggerire il peso sulle tue spalle.

3. Pause Rigenerative

Il lavoro costante può portare a una diminuzione delle energie e a un aumento dello stress. Programma pause brevi durante la giornata per ricaricare le tue energie. Anche una breve passeggiata all’aria aperta può fare miracoli nel ridurre lo stress e migliorare la tua concentrazione.

4. Pratica Attività Fisica

L’esercizio fisico è un potente antidoto allo stress. Trova il tempo per inserire regolarmente attività fisica nella tua routine settimanale. Non è necessario impegnarsi in sessioni intense di allenamento; anche una camminata leggera o una breve sessione di yoga possono apportare benefici significativi per il tuo benessere mentale.

5. Tecniche di Rilassamento e Gestione dello Stress

Esplora tecniche di rilassamento come la respirazione profonda, la meditazione o il biofeedback. Queste pratiche possono aiutarti a gestire lo stress in situazioni intense, fornendoti strumenti per mantenere la calma e la chiarezza mentale.

6. Comunicazione Aperta

Mantieni una comunicazione aperta con i tuoi colleghi e superiori. Esprimi le tue preoccupazioni e lavora insieme per trovare soluzioni. Una comunicazione chiara può prevenire malintesi e conflitti, riducendo così il livello di stress legato alle dinamiche lavorative.

7. Tempo per Te Stesso

Non dimenticare di dedicare del tempo a te stesso. Coltiva hobby che ti appassionano e ti rilassano. Trovare equilibrio tra lavoro e vita personale è essenziale per prevenire il burnout e mantenere un livello sano di stress.

Ricorda, combattere lo stress legato a un lavoro pesante richiede un approccio olistico. Implementa gradualmente queste strategie nella tua vita quotidiana e osserva come migliorano il tuo benessere complessivo. Con il giusto equilibrio, puoi affrontare il lavoro pesante con maggiore resilienza e serenità.

Diversi tipi di stress lavorativo

Diversi studi scientifici affermano l’esistenza di due tipi di stress :

  • L’eustress che è una risposta fisiologia della nostra psiche all’ambiente circostante e che ci permette di competere e di affrontare al meglio le sfide che ci vengono proposte in qualsiasi ambito.

  • Il distress è invece una risposta negativa del nostro corpo all’ambiente malsano che ci circonda. Esso rappresenta uno stress prolungato e costante, che comporta una sofferenza psico-fisica che si manifesta con paura, ansia, insicurezza e con sintomi somatici. Quest‘ultima definizione di stress, talvolta è chiamata sindrome da burnout, che in senso letterale significa “bruciato, fuso, esaurito.

Per sapere se il nostro stress è del tutto negativo dovrebbero esserci i seguenti sintomi. Dal punto di visita fisico si avverte:

  • malessere intestinale e/o alimentazione disordinata;

  • insonnia;

  • stanchezza generalizzata;

  • tensione muscolare;

  • frequenti mal di testa.

Dal punto si vista psichico si avverte:

  • insoddisfazione generale;

  • senso di impotenza;

  • frustrazione;

  • fallimento;

  • perdita di interesse generale di ogni attività;

  • isolamento,

  • ansia;

  • lavoro svolto male.

Molto rilevante è l’aspetto strettamente fisico dello stress lavorativo: lavori con carichi pesanti possono affaticare il corpo, indebolendo le energie mentali. Parlando con alcuni idraulici, tra cui i tecnici di idraulicomilanoeprovincia.it, specializzati nel pronto intervento e dunque operativi anche di notte, è emerso come un lavoro dal grande sforzo fisico richieda anche uno sforzo mentale per rimanere concentrati, soprattutto negli orari notturni.

C'è un modo per prevenire e alleviare lo stress?

Talvolta prevenire lo stress non è sempre facile, perché esso è soggetto agli avvenimenti imprevedibili della vita,possiamo però combatterlo e non permettere ad esso di prendere il sopravvento su di noi e la nostra vita. Innanzitutto la prima cura è sempre quella di essere consapevoli del problema,se non ammettiamo di averlo non si potrà neanche cercare una soluzione. Una volta capito ciò, dobbiamo chiederci se ciò che stiamo facendo va bene per noi o se dobbiamo prendere una pausa per rimettere in ordine la nostra mente. Se qualcosa ruba la nostra gioia e ci rende schiavi di una vita non vissuta al meglio allora c’è la necessità di prendere coraggio e mettere in atto cambiamenti significativi, come ad esempio facendosi aiutare da un professionista e dalle persone che ci amano.

Anche l’attività fisica può venire in aiuto al nostro stress, per attività fisica si intende anche una semplice passeggiata all’aria aperta, i benefici sono molteplici come :

  • un notevole rilassamento mentale che rende di conseguenza più facile gestire il cattivo umore;

  • un sonno più piacevole e duraturo, senza quelle fastidiose interruzioni date dalle diverse preoccupazioni.

I benefici non si fermano qui perché troviamo anche un benessere ormonale, grazie ad una produzione maggiore di endorfina e serotonina. La prima stimola i ritmi cerebrali e la seconda dona un senso di benessere e serenità, appunto per questo è definita l’ ormone della felicità.

Anche dedicare tempo ai propri hobby e interessi è di fondamentale importanza, questo perché non ci fossilizza sul problema. Anche dedicare soli 15 minuti ad una meditazione giornaliera è benefico.

Esistono,pertanto, diverse via di uscita allo stress ed intraprenderle ci salverà da conseguenze e traumi più gravi.

Burnout – Articoli correlati

E tu? Quanto sei stressato? Scoprilo andando alla sezione Stress Test

Scarica il mio eBook Vivere senza stress nocivoper rimuovere le cause del tuo stress.

Se questo articolo su lavori più stressanti ti è piaciuto e vuoi approfondire altri argomenti, scrivimi o vai sulla mia pagina Facebook. Per me sarà un piacere approfondire gli argomenti che ti possono aiutare ad essere più produttivo e ridurre il tuo stress.

La scrittura di questo articolo ha richiesto un lavoro di molte ore, se ritieni che possa essere utile a qualcuno condividilo sui tuoi canali social.

Fonti e letteratura scientifica

  • Explaining employees’ health care costs: A prospective examination of stressful job demands, personal control, and physiological reactivity.

  • Effects of Stressful Job Demands and Control on Physiological and Attitudinal Outcomes in a Hospital Setting

  • An Introduction to Work and Organizational Psychology: An International

  • Leisure as a coping resource: A test of the job demand-control-support model

  • The Job Stress Survey: Measuring Gender Differences in Occupational Stress

  • Theories of occupational stress.

I MIGLIORI LIBRI SULLA GESTIONE DELLO STRESS

Digita sull’immagine per maggiori informazioni, dettagli e recensioni.

Categorie
Gli articoli più letti

Informazioni sull' autore

Matteo Rocca

Matteo Rocca

Stress Management Coach | Health Coach | Life Coach

Ciao, sono Matteo Rocca, Mental Coach con circa 25 anni di esperienza.

Sono associato ICF International Coach Federation, la più grande associazione di Coach al mondo, con credenziale ACC (Accredited Certified Coach). Sono laureato in Economia e Commercio e in Scienze Motorie, e sono Personal Trainer FIF.

Da sempre appassionato di gestione dello stress e di crescita personale, ora aiuto le persone ad eliminare lo stress mentale grazie a nuove tecniche, metodologie (con solide basi scientifiche). Per chi desidera organizzo percorsi di coaching personalizzati per combattere lo stress, gestire la rabbia ed equilibrare vita e lavoro.